il 23 gennaio, 2019

Tipo

Tutti gli articoli

Subirrigazione e digital farming: presente e futuro per l’innovazione varietale dell’uva da tavola

L’irrigazione è determinante nella coltivazione dell’uva da tavola, negli ultimi 6 anni il settore ha iniziato a investire in innovazione mettendo in discussione le pratiche obsolete per trovare nuove soluzioni da applicare alla produzione alla luce del rinnovamento varietale. Netafim opera nel settore della produzione dell’uva da tavola, con una soluzione di irrigazione a goccia dedicata, ed ha sostenuto questa fase di miglioramento tecnico con i propri sistemi di irrigazione a goccia.

Contemporaneamente ha promosso e sostenuto un’attività di ricerca e consulenza mirate all’individuazione della più efficiente gestione dell’acqua e della fertirrigazione applicate alle nuove varietà apirene (seedless). Obiettivo, definire la miglior strategia irrigua che potesse integrarsi anche con le necessità operative di campo (trattamenti, lavorazioni, diserbi, ecc.).

Netafim propone l’adozione di sistemi irrigui che comprendano tutti i principali elementi quali filtro, condotte, valvole, contatori, iniezione fertirrigua e ala gocciolante. Questi, dimensionati, progettati ed armonizzati per lavorare al massimo livello di efficienza, vengono poi gestiti con l’automazione e monitorati con idonei sensori. Nel caso dell’uva da tavola l’adozione della Subirrigazione è oggi considerata la massima espressione tecnica, grazie all’altissima uniformità di distribuzione idrica e fertirrigua e all’assenza di ingombri in campo che ne permettono sempre la transitabilità. Viene affiancata, alla proposta in Subirrigazione, la proposta di automazione di monitoraggio e controllo che racchiude in sé il concetto di irrigazione di precisione ed apre le porte al digital farming, settore in cui Netafim è impegnata da anni e che ha visto, nel recente lancio in EIMA 2018, l’inizio di un percorso che porterà al primo sistema di irrigazione con un cervello: il sistema Netbeat.

Molte cose sono quindi cambiate dagli anni ottanta in cui un panorama varietale statico si aprì ad un'intensa attività di studio di nuove cultivar, con lo scopo principale di assecondare le nuove esigenze del mercato, concentrandosi prevalentemente sulle uve senza semi, denominate uve apirene. Nello stesso periodo si è cercato di allargare il più possibile il periodo di commercializzazione dell'uva, adottando nuove tecniche di coltivazione capaci di anticipare o ritardare la maturazione coprendo un periodo utile da luglio a dicembre. Furono, inoltre, intensificate le ricerche relative all'applicazione di tecniche colturali per migliorare ulteriormente lo sviluppo del grappolo e le dimensioni delle bacche. L’irrigazione ha tardato ad evolversi nel settore ma oggi le evidenze dimostrano che il ruolo della nutrizione idrica è determinante anche per gestire tempi di maturazione, produttività e qualità merceologica.

I cambiamenti della metodologia irrigua, da gocciolatori ad alta portata appesi tra un filare e l’altro alla Subirrigazione, ha portato grandi vantaggi agronomici e tecnici. Con la Subirrigazione otteniamo una distribuzione localizzata che mantiene l’apparato radicale più prossimo alla fila e impedisce che venga disturbato dallo sgrondo concentrato dei teli di copertura. Inoltre, manteniamo nel suolo sempre un buon equilibrio tra aria ed acqua, garanzia di efficienza nell’assorbimento dell’acqua e, se pratichiamo fertirrigazione, dei nutrienti. Questa capacità è caratteristica dei gocciolatori autocompensanti Netafim, poiché all’interno del campo di lavoro (pressione) erogano tutti la medesima portata (litri all’ora) alla medesima concentrazione, qualora si praticasse fertirrigazione. Netafim prosegue sul cammino della ricerca su uva da tavola e nello sviluppo di prodotti e soluzione tecniche guardando alla futura applicazione del digital farming anche in questo importante settore.