il 15 febbraio, 2019

Tipo

Tutti gli articoli

Hai un biodigestore e vorresti fertirrigare la tua coltura a impatto zero?

Oggi con Netafim puoi fertirrigare a costo zero e ottenere una crescita profittevole e sostenibile della tua azienda: ridurre le emissioni di gas serra del 47% e produrre più energia.

La tecnica della fertirrigazione, ovvero la distribuzione del fertilizzante attraverso un impianto di irrigazione a goccia, ha permesso alla concimazione delle colture di diventare sempre più precisa e calibrata sui reali fabbisogni delle piante.

La fertirrigazione ad oggi è conosciuta quasi esclusivamente per essere praticata con l’impiego di concimi chimici, ma sempre più insistenti sono le richieste di sistemi di precision farming strutturati per distribuire anche matrici di diversa natura, come liquami e digestato da impianti di biogas.

È ormai risaputo come tali matrici possiedano un elevato potere fertilizzante, ma è altrettanto noto come la sua gestione sia sempre stata complicata, specialmente per la frazione liquida.

Netafim, leader mondiale di soluzioni per l’irrigazione di precisione, ha sviluppato, in collaborazione con il C.R.P.A. nell’ambito del progetto Digestato_100% (iniziativa sostenuta dal programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020), l’unico sistema sul mercato che permette la distribuzione della frazione liquida del digestato con coltura in atto, senza entrare in campo e quando preferisci.

Sostenibilità ambientale ed economica

Dal punto di vista ambientale, la possibilità di iniettare digestato microfiltrato in ala gocciolante consente di esaltarne le proprietà fertilizzanti e grazie a un tipo di distribuzione ad alta precisione capace di assecondare le esigenze della coltura in atto e che minimizza le perdite di azoto sia in atmosfera che in falda per percolazione.

L’analisi LCA (Life Cycle Assessment ) condotta dai tecnici C.R.P.A. ha dimostrato che la fertirrigazione con digestato, rispetto al tradizionale spandimento, è in grado di ridurre le emissioni di gas serra del 47%.

Economicamente, l’innovativa soluzione di fertirrigazione, se confrontata con una gestione tradizionale, cioè irrigazione con rotolone combinata a una concimazione a base di urea, ha un costo superiore di circa 200 E/ha, ma la sua adozione permette di ottenere maggiori benefici. Prima di tutto una produzione superiore del 15% (da 60 a 70 ton/ha), una qualità del trinciato maggiore grazie ad un incremento del contenuto di amido (+1,5 ton/ha amido) che si traducono in un migliore insilamento e potenzialmente in superiori rese di metano. Il tutto senza contare i vantaggi dal punto di vista gestionale come la possibilità di distribuire digestato anche quando la coltura o il suolo non lo permettono, perché l’impianto è in campo dall’inizio alla fine del ciclo colturale.

Elementi essenziali della soluzione

Dal punto di vista tecnico, la soluzione di fertirrigazione con digestato richiede tre componenti indispensabili: la Microfiltrazione, la Filtrazione a dischi e Ali gocciolanti resistenti all’occlusione.

La microfiltrazione offre il vantaggio di raffinare la frazione liquida del digestato e renderla gestibile in impianti ad alta precisione come quelli a goccia. La microfiltrazione viene installata dopo un classico separatore solido-liquido.

La filtrazionea dischi Apollo Spin Klin™ ha il compito di filtrare la miscela acqua e digestato liquido per garantire la funzionalità dell’ala gocciolante nel corso della stagione bloccando tutte le impurità della miscela acqua-digestato.

L’ala gocciante Typhoon Plus™ garantisce, grazie alla sua tecnologia TurbuNext™, un corretto funzionamento anche in presenza di acque cariche di impurità. L’elevata superficie filtrante e il labirinto interno che genera un alto grado di turbolenza rendendo il gocciolatore autopulente. Typhoon Plus™ è il prodotto brevettato più adatto allo scopo.

L’alto profilo tecnico di questa soluzione evolve l’irrigazione a goccia in un sistema a duplice attitudine, combinando la pratica irrigua più efficiente del mercato con la distribuzione localizzata del digestato, ovvero la fertirrigazione sostenibile.

La soluzione Netafim, sviluppata con il C.R.P.A. è innovazione tecnica alla portata dell’azienda agricola ed effettivamente applicabile; un sistema in grado di convertire l’onere del digestato in una valida risorsa aziendale. Soluzione potenzialmente utilizzabile non solo nell’ambito della maiscoltura ma anche su colture orticole ed arboree.

I concetti dell’economia circolare diventano sempre più applicabili anche nel mondo agricolo.

Comments

We highly appreciate your comments and suggestions!

0 Comments